Incipit del Martedì #10

La casa era alta, con un incredibile tetto di tegole a spiovente. Avvicinandosi a piedi dalla strada costiera, Gerald Nately pensò che fosse quasi una nazione a sé, un microcosmo geografico. Il tetto calava e s’innalzava irregolare sopra l’edificio principale e due ali stranamente angolate; la balaustra di una terrazza costeggiava una cupola a forma di fungo, orientata verso il mare; la veranda, affacciata sulle dune e sulla prateria scialba di settembre, era schermata e più lunga di un pullman. L’impennata del tetto dava l’impressione che la casa si accigliasse mentre incombeva su di lui. 

Il compressore ad aria blu di Stephen King

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...