| INCIPIT DEL MARTEDI’ |

< Andiamo alla casa abbandonata. >
L’idea era di Shōta. Diceva che c’era una casa abbandonata che sarebbe stata perfetta.
< Perfetta in che senso? > chiese Atsuya, guardandolo dall’alto in basso. Oltre a essere piccolo di statura, Shōta aveva ancora la faccia da ragazzino.
< Perfetta vuol dire perfetta. Ideale per rimanere nascosti per un po’. L’ho scoperta per caso quando sono venuto qui in perlustrazione, ma non pensavo che avremmo dovuto usarla sul serio. >
< Scusate, tutti e due. > Kōhei si fece piccolo nonostante la sua corporatura massiccia. Guardava sconfortato la vecchia Nissan Crown, ferma lì accanto. < Non mi sarei mai immaginato che la batteria si sarebbe scaricata proprio adesso. >
Atsuya lasciò andare un sospiro: < Dirlo non serve a niente. >
< Sì, ma che sarà successo? Non aveva dato problemi finora e non mi sono nemmeno dimenticato i fari accesi. >
< Sono gli anni che ha >, spiegò Shōta. < Hai visto quanti chilometri ha fatto? Più di centomila, è come se avesse raggiunto la vecchiaia. E’ arrivata alla fine della sua vita, ha corso fino a qui e poi si è spenta. Per questo ti avevamo detto di rubarne una nuova! >


Keigo-Higashino-L-emporio-dei-piccoli-miracoli-1

 

L’Emporio dei Piccoli Miracoli – Keigo Higashino

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...